Orientamento in ingresso

Il corso si prefigge di raggiungere profili professionali differenziati e pertanto si rivolge a utenze diverse, per questa ragione sono previste differenti forme di orientamento in ingresso:
– per i lavoratori-studenti già operanti nel settore della scuola, dell’accoglienza, dei contesti formativi vari (CPIA, Sprar, Aziende, terzo settore, ecc.), si prediligerà un orientamento nelle strutture in cui sono coinvolti, anche organizzando incontri a tema a seconda delle esigenze del contesto. Questo permetterà di focalizzare l’informazione e l’orientamento, non solo sulle tematiche inerenti gli ambiti formativi del corso, ma anche sulle possibilità, precipue alla loro condizione, di riconoscimento di percorsi formativi pregressi e di riconoscimento del tirocinio in quanto già operanti nel settore;
– per gli studenti appena usciti da un percorso formativo triennale, si prevedono, oltre che le consuete attività organizzate anche in collaborazione con le strutture di Ateneo quali “Porte Aperte”, webinar sincroni (e comunque registrati), possibilmente a tema dato e con discussione interdisciplinare che possano essere insieme occasione di entrare nel merito degli argomenti trattati nel corso e dare, a seguire, informazioni tecniche per il percorso formativo da intraprendere;
– per gli studenti stranieri residenti all’estero, si attiveranno i canali che hanno già costituito la rete delle parti sociali consultate, facendo in modo che possano farsi promotori del corso e al tempo stesso collettori di un pubblico per la partecipazione a webinar di orientamento, mirati tanto ai contenuti del corso quanto a focalizzare sulle facilities dedicate a loro (corsi di lingua italiana del CLICI; mobilità strutturata per il tirocinio L2; riconoscimento di percorsi formativi all’estero, ecc.).